my covid

my covid

Come ho imparato a sperare nel futuro e vivere meglio il presente

‘’Ho deciso di raccontarvi questa mia storia, my covid, perché stiamo vivendo immersi in un clima cupo di incertezza, preoccupazione, paura e rabbia. Io invece vorrei raccontare e trasmettere tutto l’opposto. Non sono un virologo, né tanto meno un tuttologo. Sono uno qualunque, che un giorno si è svegliato malato ed è finito in ospedale, in un reparto covid. Ciò che mi è successo in quei 13 giorni lì dentro è sorprendente. Apre una grande speranza per il futuro. E mi ha anche insegnato (o forse, semplicemente ricordato) come vivere al meglio il presente. Lasciandomi con un sorriso al posto della paura. Spero che questa storia vi faccia lo stesso effetto’’

Questo libro l’ho scritto dal mio letto nel reparto covid. L’idea è spuntata una delle prime notti in ospedale, attanagliato dalla febbre a 39 che mi perseguitava ormai da giorni. A un certo punto, nel silenzio della mente e della corsia addormentata, una voce narrante ha iniziato a raccontarmi queste storie. Le ha assemblate e messe insieme, punteggiandole di immagini e flash che commentava via via, a beneficio del suo spettatore. Io.
A me funziona così: ogni storia, ogni libro ha bisogno della sua voce specifica, il suo tono che fa vibrare le parole e dà vita alle immagini. Posso passare giorni, mesi e più a pensare, scervellarmi, prendere appunti. Ma tutto ciò è solo un lavoro preparatorio in attesa e nella speranza che arrivi la scintilla che accende la voce. Se non si accende, non c’è niente da fare: le parole uscirebbero cariche solo di razionalità. E invece è il carico di emozione che gli dà vita. È la Voce che vibra.

Quando siete felici, fateci caso.

Kurt Vonnegut,

Poi succede che quando meno te lo aspetti, nel luogo e momento più impensato, lei finalmente arriva e accende la voce narrante nella tua testa. Una sera tardi ero fuori con Teo, il mio doberman in miniatura alto poco più di un bassotto con le orecchie che sembrano due cozze giganti attaccate alla testolina, girellando nei giardini deserti d’inverno. E d’improvviso è partita la Voce che aspettavo da anni. Ho continuato a girellare ascoltandola per quasi tre ore, per incoraggiarla a parlarmi, seguito da un Teo sempre più perplesso.
Il problema è di non dargli troppo spago, sennò rischi che ti sfugga come un aquilone ribelle. La devi mantenere in vita e ravvivare un po’, come un prezioso fuocherello appena nato, giusto il tempo per portarlo a casa sano e salvo e metterti di filato davanti a fogli o computer per catturare il flusso e usarlo come fiamma pilota per accendere il vero fuoco duraturo.
Nella tribù di casa anche le piccine conoscevano il rituale, e non fiatavano nemmeno un sospiro di protesta quando gli passavo accanto trafelato, salutandole solo con un rapido cenno per poi sparire nella mia stanza. Appena fu in grado di, diciamo, scrivere, Elisa mi dedicò un bel disegno, che conservo, dove ci sono io ovviamente bruttissimo con orridi occhialoni quadrati, una pancia alla Babbo Natale e quattro capelli ritti in testa; seduto a un tavolo sghembo con uno schermo. E sotto la scritta:

Il BABO E SMPRE AL COMPIUTER

Quella notte, nel letto d’ospedale con la febbre a 39, la Voce ha iniziato a mettere insieme la mia storia. Proprio questa che state per leggere.
E’ andata avanti per ore e non potevo assolutamente dormire. Era un continuo va e vieni di immagini della mia vita, inframezzate dalle esperienze di questi momenti. Per fortuna avevo con me un quadernino di emergenza, che la mattina ho riempito in ogni angolo in microcalligrafia per risparmiare spazio prezioso. Poi mi sono fatto portare il “compiuter”.
E ho iniziato così…

‘’La cosa più grande
Che mai potrai imparare
È quella di amare
E in cambio essere amato

Eden Abhez,

Lascia la tua recensione

Incoraggiante

Ho letto questo libro tutto d'un fiato ,l'autore con ironia e profondità racconta una storia attuale nella quale tutti ci possiamo riconoscere.

Fabiola Picchi

Veramente un bel libro: divertente e profondo allo stesso tempo

Molto soddisfatta dell'acquisto che consiglio.

Cliente Amazon

Profondo, leggero e divertente

Un capolavoro. Un libro che mi ha fatto commuovere, divertire, ridere e riflettere allo stesso tempo. Da leggere assolutamente e da applicare nella propria vita. Complimenti all’autore Giuseppe Cloza, magnifico libro.

Ricca

Lascia la tua recensione

Nascere, Morire, amare: come ritrovare il filo della vita “Jarabi è una parola usata in vari paesi dell’Africa occidentale e che s

Fullness of Life through Buddhism ‘’What is now proven was once only imagined.’’ William Blake After the success of Felicità i

Un viaje hacia el descubrimiento del budismo  ‘Todos queremos ser más felices. Nos esforzamos, pasamos mucho tiempo buscando la fel

Il senso meraviglioso della vita ‘’Myò significa “mistico”, “misterioso”, cioè incomprensibile con la mente, con la razio

Un viaggio alla scoperta del buddismo e della felicità ‘’Alla fine, che cosa conta davvero? Per me ciò che conta è amare, essere

La pienezza della vita Lifeful è una parola antica, utilizzata a partire dal 1200. Significa “pieno di vitalità” e anche “che d

Come ho imparato a sperare nel futuro e vivere meglio il presente ‘’Ho deciso di raccontarvi questa mia storia, my covid, perché s

Come difendere i propri risparmi e scoprire di chi fidarsi ‘’Il risparmio è un’ottima cosa, specialmente se ci hanno pensato

Il teatrino della bassa finanza: tutto quello che non ci dicono (e come possiamo difenderci) ‘’Diversi studi hanno dimostrato che,

Tutto quello che dovete sapere sui vostri investimenti che la banca Bassotti non vi dirà mai ‘’Erano giunti piú che a mezza strad

Come difendere i propri risparmi da banche, assicuratori e promotori finanziari ‘’Le banche sono più pericolose degli eserciti.’

Giuseppe Cloza ha mille pensieri che gli frullano in testa e cerca in tutti i modi di non venirne travolto.
Nel poco tempo libero che i pensieri gli lasciano, scrive libri come questi che trovate qui, per cercare di dare una mano a chi è afflitto dallo stesso problema. Per semplificare e alleggerire.

Nel frattempo, si dedica anche alla sua professione di consulente finanziario per gestire risparmi e investimenti. Altro tema che genera un sacco di pensieri. Motivo per cui scrive anche Bassa Finanza, l’altro suo sito, sempre dedicato a migliorare la qualità della vita…

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per ricevere tutti i nostri ultimi aggiornamenti e notizie sull'uscita dei libri.